martedì 25 maggio 2010

Interpretazione Fidal

Questa e' la risposta data al mio Presidente di societa' in merito alle squalifiche in massa dei podisti che hanno partecipato a gare UISP :
mario tradardi

executive fidal piemonte
---------------------------------------

Chiariamo una volta per tutte che la LEGGE attribuisce solo alla FIDAL il diritto di organizzare e gestire Manifestazioni agonistiche.
Riassumo brevemente:

L’ articolo 1 del D.M 18/02/1982 ed integrazioni (D.M. 28/02/83) demanda alle Federazioni Sportive Nazionali - per l’Atletica Leggera la FIDAL – l a qualificazione agonistica a chi svolge attività sportiva.

Il Decreto Legislativo 242/99 attribuisce al Consiglio Nazionale del CONI, tra l’altro, i compiti di stabilire i criteri per la distinzione dell’attività sportiva.



Il Consiglio Nazionale del CONI, con deliberazione n. 1109 del 24 marzo 2000 ha disciplinato il riconoscimento delle Federazioni Sportive Nazionali ai fini sportivi e gli ambiti di svolgimento delle attività sportive, attribuendo alle Federazioni la competenza per quelle di natura agonistica.



Il Tribunale Amministrativo del Lazio, con sentenza n. 9429 del 2 luglio 2003, ha confermato detta impostazione stabilendo che il sopra richiamato Decreto Legislativo n. 242/99 attribuisce alle Federazioni il controllo della pratica sportiva agonistica, affermando che qualora un Ente di Promozione Sportiva intenda svolgere questa tipologia di attività “non può prescindersi dalla affiliazione alle Federazioni Sportive di pertinenza”.


Gli Enti di Promozione possono svolgere solo attività PROMOZIONALE con le categorie Esordienti, Ragazzi e Cadetti. STOP

Se organizzano manifestazioni anche per gli Adulti over 35 (prima NON se ne parla ASSOLUTAMENTE) queste NON POSSONO per legge essere AGONISTICHE.

La Convenzione con gli Enti di Promozione CONCEDE loro di organizzare "semel in anno" un Campionato per i propri tesserati, senza chiedere l'autorizzazione a FIDAL, se hanno bisogno dei Giudici (gli unici che possono certificare i RISULTATI) devono chiederli e pagare il servizio, altrimenti possono utilizzare i loro OPERATORI (che FIDAL si impegna su richiesta a formare e può utilizzare SOLO in manifestazioni dell'Area Promozionale).

L'articolo 1.8 delle Norme Attività 2010 è chiaro e vincolante
(omissis)...

Pertanto, richiamando anche quanto previsto dall'art. 21 del Regolamento Organico, i tesserati FIDAL non sono autorizzati a partecipare a gare non approvate FIDAL . Qualora ciò accada, essi si assumono la diretta e personale responsabilità in merito alle conseguenze degli eventuali infortuni accaduti e non sono tutelati dalla copertura assicurativa federale e tale inadempienza verrà inoltre segnalata agli organi di giustizia.

Non deferire i trasgressori alla Giustizia Federale sarebbe omissione di atti di ufficio, è un atto dovuto e questo obbligo noi assolviamo.

Per conoscere le sanzioni basta consultare sul sito www.fidal.it il Regolamento di Giustizia; la persona onesta, però, non ha bisogno di sapere quanto gli costa NON osservare la LEGGE.

Noi siamo a posto con la legge e con la coscienza.

Ufficio Regolamenti Fidal Piemonte

5 commenti:

... E io corro! ha detto...

IO credo semplicemente che si leda la libertà personale dell'individuo e se io sono ignorante , nel senso che ignoro, ora so per certo che non voglio più aver nulla a che fare con costoro.

(cit. Laura Ingalls "La casa ne la prateria")

La Polisportiva ha detto...

Benissimo. Ma allora la FIDAL deve prendersela con la UISP e chiarire le cose a livello organizzativo, non prendersela con i concorrenti, che pagano l'iscrizione e non sono tenuti a conoscere le carte e la burocrazia che c'è dietro ad ogni gara e ad ogni organizzazione.
Ripeto: se la risolvano tra enti.

franchino ha detto...

Io non capisco perchè non possa correre alla garetta di paese. Se non è autorizzata Fidal e mi succede qualcosa amen, mi assumo da me le mie responsabilità e al massimo mi rivarrò sull'organizzatore. Così uccidono quelle garette di paese tanto belle e caratteristiche. E poi perchè solo da quest'anno questo accanimento? Molto gare che sono state causa dei deferimenti sono anni che si corrono, forse che prima erano fidal e adesso no? Non credo.

Massimo ha detto...

Tradardi mi ha mandato un altro documento Pdf di 7 pagine...
se riesco, lo metto come post....

Dani ha detto...

Ciao Massimo, ho trovato il tuo blog mentre facevo una ricerca relativa alle questioni FIDAL/UISP e vorrei chiederti una cortesia, posso avere un indirizzo e-mail al quale contattarti?
Daniela